"È venuto il tempo di tagliare e rivedere completamente la nostra spesa militare. È giusto continuare a spendere in questo modo 24 miliardi di euro all'anno? Ce lo possiamo permettere? È questo il modo migliore per garantire la nostra sicurezza?". 

È quanto sostiene in una nota Flavio Lotti, il coordinatore della Tavola della Pace. "Non è un discorso ideologico - precisa ancora - ma decisamente pragmatico. Non è un problema di coscienza ma di utilità pubblica". "Ventiquattro miliardi sono una somma enorme e ogni tentativo di censurare o stroncare sul nascere anche solo la discussione su questi soldi non è solo attentato non alla democrazia ma un ostacolo insormontabile posto sulla via di uscita dalla crisi" si legge ancora nella nota. Niente è più inutile di una portaerei, un sommergibile o un cacciabombardiere per proteggere i cittadini dalle mafie e dalla criminalità organizzata, dal terrorismo e dalla malavita, dall'illegalità, dalla corruzione e dalla disoccupazione, dall'inquinamento o dalla sofisticazione alimentare. 

Eppure continuiamo a comperare costosissimi sistemi d'arma e lasciamo i poliziotti senza auto e benzina". "Contro la sola ipotesi di revisione della spesa militare - conclude Lotti - si batte da tempo una potente lobby trasversale politico-militare-industriale povera di idee e ricca di complicità mediatiche. Per convincere i parlamentari a tagliare e rivedere seriamente le spese militari si dovranno mobilitare molte, moltissime persone, in ogni città e in ogni collegio elettorale. Anche per questo domenica 25 settembre si è tenuta una marcia della pace da Perugia ad Assisi. 

Se vogliamo che le cose cambino dobbiamo prendere la parola in tanti e alzare la voce insieme". Tratto dal sito www.vita.it del 31 agosto 2011

SCRIVICI



newsletter

iscriviti